Disegno in bianco e nero che rappresenta l'oratorio
FAIL (the browser should render some flash content, not this).
Servizio e responsabilizzazione

Servizio e responsabilizzazione

Logo di E ora vai

Doposcuola

Già da tempo l'Oratorio si presta per offrire un servizio di doposcuola ai ragazzi che hanno difficoltà scolastiche o che desiderano ritrovarsi insieme per fare i compiti aiutati da insegnati in pensione o da animatori. Nel 2001 è stato elaborato un progetto denominato "E ora vai" che ha come obiettivo non solo il recupero scolastico ma anche l'offerta di uno spazio di aggregazione per i ragazzi.

Nel, logo di questo progetto, le lettere iniziali del nome, incrociandosi costituiscono simbolicamente due ali (una gabbianella) e un gatto. Il punto di riferimento è infatti, il libro di L. Sepùlveda, Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare, perchè questo racconto, a metà tra una fiaba e una parabola, tocca dei temi che vengono ritenuti più importanti: l'amore per il prossimo, la solidarietà, la generosità disinteressata e tanti altri. Il protagonista del libro è un gatto nero di nome Zorba, al quale una gabbiana morente affida l'uovo che sta per deporre, non prima di aver ottenuto da lui tre solenni promesse: non mangiare e aver cura dell'uovo ed infine insegnare a volare al piccolo nascituro. Per mantenere le prime due basterà l'amore del gatto, ma per l'ultima ci vorrà una grande idea e l'aiuto di tutti. Così la stesura del progetto ha seguito lo stesso itinerario proposto dalla narrazione partendo dall'interesse per i giovani, infatti la frase "E ora vai" diventa una duplice sollecitazione: una è per l'educatore come per Zorba, ad andare incontro al ragazzo, l'altra è per il ragazzo stesso, come per la gabbianella, a prendere il volo dopo un cammino fatto insieme.